L’intrepido giornalista e Wine Spectator

Scritto da Luca il 2 settembre 2008 alle 20:27

Come segnalatoci dall’amico Enzo, riporto questa simpatica storiella. In due parole, l’autore dello scherzetto a Wine Spectator si è inventato una finta osteria a Milano e, avendo pagato la dovuta parcella, ha vinto il diploma di eccellenza di WS!

Una storia non nuova in altri campi. Io conosco almeno due significative operazioni di messa alla prova di insospettabili arbitri. La prima risale al mio tempo liceale. Due compagne di classe ricevevano costantemente voti molto diversi, buoni l’una, insufficienti o quasi l’altra, nei compiti di italiano. Un giorno decisero di scambiarsi i compiti e… ahi ahi, il professore continuò a premiare la prima e punire la seconda, dimostrando che quello che contava “forse” non era la qualità dello scritto…

Più tardi, all’univeristà, mi capito di leggere un articolo di fisica che era stato pubblicato da un buontempone. L’articolo non diceva assolutamente nulla, era una sequenza di frasi complicate e roboanti, prese a caso da altri articoli (e messe insieme con una notevole perizia, comunque). I referee (gli arbitri che decidono sulla pubblicazione o meno di lavori scientifici) se l’erano bevuta e avevano autorizzato la pubblicazione.

In questo caso il tutto è ancora un po’ più piccantino, visto che ci sono soldi nel mezzo, ma la musica è la stessa: pregiudizi e/o superficialità non mancano in nessun campo.

p.s. comunque… su internet si scrive di tutto, e non vorrei che Robin Goldstein lo scherzo lo abbia fatto a noi e si sia inventato la cosa di sana pianta, anche se dice che la sua finta osteria stia sulla copia di carta di Wine Spectator… e quindi! Ma un leggero dubbio teniamocelo, anche citando Jovanotti che dice “E tutto quello che sappiamo non è vero”

Parole chiave:
Pubblicato in ironicaMente | Commenti (3)

3 Responses to “L’intrepido giornalista e Wine Spectator”

  1. consumazioneobbligatoria Says:

    ma scusate e vogliamo parlare allora delle maschere di modigliani??? af

  2. Luca Says:

    Beh, ma quelle erano vere opere d’arte. Fatte con black&decker ma ben fatte! Qui si parla di bufale evidentissime!

  3. enzo Says:

    sono appena tornato da Soave (Soave Versus … grande!!) e posso confermare da altre fonti che la notizia sembra proprio vera … A me non stupisce comunque molto …

Leave a Reply

Gli ultimi commenti

Di recente

In archivio

Meta