Addio po’, lunga vita al pò!

Scritto da Riccardo il 5 ottobre 2009 alle 12:13

po001Ebbene sì, mi sono deciso, irrevocabilmente, a dare il definitivo addio al po’, e a dare un caloroso benvenuto al nuovo re delle “quantificazioni parziali”(?), il .

Ebbene sì. Dapprima commentatori (di blog) dall’italiano incerto. Poi postatori (sempre di blog) più smaliziati. Non parliamo dei facebookari. E allora si è cominciato ad insinuare in me un dubbio. Che io sia fuori dal main stream di come si scrive quello che si scrive. Si, insomma: lo sappiamo tutti che si scriverebbe po’ e non , ma che strazio, un carattere in più (qui si inserirebbe il discorso smessaggiatori e twitteratori)…  e quindi scriviamo , e basta. E poi:  vuoi fare il pedante, come quelli che ti correggono quando dici ha piovuto invece di è piovuto? Vuoi dimostrare che hai fatto le scuole medie? Sono dell’obbligo, le abbiamo fatte tutti, e lo sappiamo che si direbbe è e non ha, ma non ne abbiamo voglia, chiaro?

Ma al po’ l’addio definitivo, come al solito fuori tempo massimo, l’ho dato solo ieri. Quando nelle prime righe dell’articolo di Curzio Maltese (Curzio Maltese!) su La Repubblica di ieri, il si è avventato contro i miei occhi. Sarà stato Curzio? Sarà stato un giovane di Repubblica?

Poco importa. Addio po’. Lunga vita al !

Parole chiave:
Pubblicato in ironicaMente | Commenti (3)

3 Responses to “Addio po’, lunga vita al pò!”

  1. Pier Luigi Says:

    Il suo s’unisce al mio sconcerto di pochi minuti fa.
    Leggevo infatti le prime pagine de «La frusta letteraria», il periodico letterario pubblicato a Venezia nella seconda metà del diciottesimo secolo. Ebbene, ecco cosa trovavovi:

    «Chi egli sia, Leggitori, non vi si può per anco dire per alcune ragioni, che troverete buonissime quando verrà il tempo che vi sieno manifestate. Dunque abbiate un pò di flemma, e vedetelo prima adoperare alquanto questa sua Frusta sul Deretano a qualche dozzina di questi Scrittoracci moderni.»

    «Un pò di flemma», dunque. Non so che dire.

  2. Dante Says:

    Vi ringrazio sentitamente…so io perché.

  3. alma Says:

    Io ormai ho rinunciato al po’ da tempo, quando ho visto pure su dei cartelloni pubblicitari un bel “fà” troneggiante e sbeffeggiante ore e ore di studio della grammatica italiana.

Leave a Reply

Gli ultimi commenti

Di recente

In archivio

Meta