Il vino bio non s’ha da fare

Scritto da Lamberto il 23 giugno 2010 alle 8:07

La commissione Europea ha ritirato il progetto per la regolamentazione della produzione del vino biologico. Dopo un lungo periodo di studio di fattibilità, il regolamento si è arenato sul no della Francia e della Germania, e di alcuni altri paesi produttori del centro Europa, di ridurre di 1/3 il contenuto di solforosa nei vini biologici rispetto a quelli convenzionali. Si sarebbe trattato di portare il limite massimo sui bianchi a 150 mg/l e sui rossi a 100 mg/l. Notoriamente le dosi utilizzate in questi paesi, che si sono opposti, sono superiori, dato anche la diffusa abitudine di imbottigliare vino con residui zuccherini anche considerevoli. Si è così ritornati al paradosso nel quale esiste l’uva biologica ma non il vino, non portando quindi a compimento la volontà di dare la possibilità al consumatore di consumare vino biologico.

Parole chiave: , , ,
Pubblicato in medioevo prossimo venturo, percezioni (letto visto ascoltato) | Commenti (0)

Leave a Reply

Gli ultimi commenti

Di recente

In archivio

Meta