La trasparenza in etichetta? Dal 2014

Scritto da Lamberto il 23 novembre 2011 alle 16:55

E’ stato pubblicato ieri sulla gazzetta Ufficiale Europea ma diverrà obbligatorio per la prima parte  il 13 dicembre 2014.

Infatti il regolamento entrerà in vigore fra 20 giorni (per la precisione dal ventesimo giorno da quello della pubblicazione, quindi da ieri, 22 novembre) ma le nuove regole dovranno essere applicate  a decorrere dal 13 dicembre 2014, ad eccezione delle norme relative all’obbligo di indicazione del Paese d’origine o del luogo di provenienza che, nei casi richiesti, si applicano  a decorrere dal 13 dicembre 2016 e di quelle dell’ allegato VI, parte B (requisiti specifici in merito alla designazione delle carni macinate)  che si applicano  a decorrere dal 1° gennaio 2014.

Un ritardo dovuto alla necessità di smaltire le scorte di etichette e di mettere in condizione le aziende di predisporre le opportune modifiche , ma una bella beffa per i consumatore che per ora non vedrà cambiare niente.

Vediamo in sintesi le modifiche del  nuovo regolamento sull’etichettatura dei prodotti alimentari (Regolamento UE 1169/2011):

Tabella nutrizionale: L’etichetta degli alimenti confezionati dovrà contenere una tabella nutrizionale, indicante 7 elementi: valore energetico, grassi, acidi grassi saturi, carboidrati, proteine, zuccheri e sale.
Oli e grassi vegetali: La scritta “oli e grassi” in etichetta deve essere seguita dal tipo di olio o di grasso utilizzati (ad es di soia, palma e arachide). E’ possibile indicare la specie animale da cui derivano. Per le miscele è’ ammessa la dicitura “in proporzione variabile”.
Allergeni: Gli allergeni eventualmente presenti dovranno essere evidenziati con accorgimenti grafici ( ad esempio usando il grassetto o un colore) nella lista degli ingredienti.
Surgelati: gli alimenti venduti previo scongelamento devono riportare sull’etichetta la parola “scongelato”. Se la presenza di acqua è superiore al 5% va scritto in etichetta.
Caffeina: Le bevande diverse da tè e caffè con una dose di caffeina superiore ai 150 mg per lt., devono riportare in etichetta, oltre alla dicitura “Tenore elevato di caffeina”, l’avvertenza “Non raccomandato per bambini e donne in gravidanza o in allattamento”.
Indicazione dell’Origine: E’ obbligatoria l’indicazione del Paese d’origine o il luogo di provenienza , oltre che per la carne bovina, per tutta la carne fresca: suina, ovina, caprina pollame.
Insaccati: i salumi/insaccati devono indicare se l’involucro non è commestibile.
Dimensione della scritta: Le diciture riportate in etichetta devono essere ben leggibili e quindi avere un carattere tipografico di 1,22 mm o 0,9 mm.
Simboli: In alternativa a parole e numeri, in etichetta potranno essere introdotti pittogrammi
Scadenza: La data di scadenza deve essere riportata non solo sulle scatole/involucro esterno, ma anche sull’incarto interno dell’alimento. I prodotti surgelati o congelati dovranno recare giorno, mese ed anno della surgelazione o del congelamento.
Riguardo all’ indicazione obbligatoria del Paese d’origine o del luogo di provenienza, i singoli Stati membri, qualora venga provata l’esistenza di una relazione fra determinate qualità dell’alimento e la sua origine/provenienza, possono introdurla da subito, previa notifica a Bruxelles.
La cosa per i prodotti italiani sarebbe auspicabile avvenisse subito.
Per una visione completa del regolamento si rimanda a :
http://eur-lex.europa.eu/LexUriServ/LexUriServ.do?uri=OJ:L:2011:304:0018:0063:IT:PDF
(fonte notizie Camera di Commercio di Lucca- Eurosportello)

Parole chiave:
Pubblicato in l'acquabuona e dintorni, medioevo prossimo venturo | Commenti (0)

Leave a Reply

Gli ultimi commenti

Di recente

In archivio

Meta